Cavolo cappuccio ripieno alla russa : dedicato alle amiche !

Ho partecipato al corso di cucina russa: tre pomeriggi, con cena finale per festeggiare il Carnevale. La cosa più bella è stata l’immediata sorellanza che si è creata tra le sorridenti signore che ci hanno insegnato a realizzare alcuni piatti tradizionali e noi italiane, cui è stato messo un coltello in mano e giù lì a sminuzzare e tritare verdure, tagliare a strisce la carne, sbucciare patate e mescolare salse e  smetana ( la adorata panna acida). Così, piano piano, ci siamo addentrate nei segreti del borsch, la gustosissima zuppa di cavolo e barbabietola, l’insalata Oliv’e ( che noi chiamiamo insalata russa ), il manzo alla Stroganoff ( sublime!) ed i blinis , le loro crepes, da accompagnare al caviale ( ultra-sublime) o, in versione dolce, da coprire con miele o marmellata. E naturalmente vodka, vodka e vodka…Durante la preparazione, tra le nostre ospiti non sono mancati battibecchi, in pura lingua del Volga. Tanto le ” mie signore” all’inizio mi erano sembrate distaccate e serafiche, tanto si sono trasformate in agguerrite sostenitrici delle loro opinioni in tema di soffritto, scatenandosi in un dibattito serratissimo, di cui naturalmente non ho afferrato una parola. Il contrasto non si è composto e così il manzo alla stroganoff è stato realizzato in due versioni, una con carne infarinata ed un altra con sugo amalgamato da farina e le due fazioni si sono trovate d’accordo nell’affermare, ciascuna, che la propria era la ” sola” versione giusta! La vodka, a tavola, ha fatto il suo lavoro per accellerare la riconciliazione: archiviato il caso, si sono succeduti canti, brindisi ed abbracci! Niente a che vedere con le  lezioni di cucina, cui ho altre volte partecipato, niente chef in cattedra, solo le nostre mani che si sono ritrovate a fare gesti antichi, a riproporre rituali di donne ” insieme”, sorelle in cucina, come non mi capitava da anni.IMG_2389

Ho ripensato alle vigilie di Natale a casa di mia nonna, che comandava sulla brigata di cucina, composta dalle allora preziose tate, da sua sorella e da me! Io ero addetta a lavori umili, come sbucciare, tagliuzzare, togliere i noccioli, ma mi  piaceva guardarle, osservare i loro movimenti ed ascoltare le loro conversazioni. Si oscillava dagli aneddoti della loro infanzia alla lite sugli ingredienti, su quanto miele aggiungere al torrone e sugli aromi del ragù. Insomma si mischiavano, odori , sapori, chiacchiere, ricordi e rancori e ne venivano fuori piatti eccezionali! Proprio come quelli di domenica!  Questa magnifica esperienza, nuova ed insieme retrò, dai sapori nordici, mischiati a passionale amore per la cucina, mi ha suggerito questo piatto a base di cavolo cappuccio, che bollito, crudo o in salamoia, piace ai russi e piace moltissimo anche a me. In attesa di cimentarmi con i piatti che ho fatto con le mie amiche, ecco dunque i miei cavoli ripieni. Ho utilizzato un piccolo cavolo cappuccio detto ” puntuto”,  per la forma allungata: tagliato a metà sembra un piccolo cuore ed è dolce e tenero, perfetto per questa preparazione.  IMG_2261

Ingredienti : per un cavolo piccolo, 150 grammi di salmone, anche in scatola, gr.150 di ricotta, olio, aneto secco o se lo avete in casa un poco di finocchietto tritato , un pugnetto di capperi, sale, pepe ed olio, semi di sesamo IMG_2262

Preparazione: dopo aver tagliato in due il cavolo, sbollentarlo appena; io l’ho messo in vaporiera e l’ho lasciato ammorbidire. Nel frattempo, in una terrina, unire il salmone spezzettato alla ricotta, e, con una forchetta, schiacciare il tutto per avere una crema morbida. Aggiungere aromi, sale e pepe. IMG_2263

Con le dita allargare le foglie del cavolo ed inserire, aiutandosi con il cucchiaio, la crema all’interno, in modo  da farcirlo, come una grossa polpetta. Cospargere la superficie di semi di sesamo e di capperi

IMG_2264Accomodare la verdura in una pirofila unta di olio, passare un altro filo di olio sul tutto ed infornare per circa mezz’ ora in forno caldo a 175 gradi . Io ho aggiunto qualche seme di cumino al fondo della pirofila. Ecco fatto! Con la sua bella crosticina! IMG_2270

 

Annunci