Gaspacho freddo in pillole e freddissimo in granita

A volte, quando a Palermo arriva lo scirocco e la temperatura è infernale, nel senso proprio della parola, ricorro al mio surgelatore: non è certo il momento di cucinare ed io ho sempre qualcosa da scongelare, o perchè ho abbondato nelle porzioni o perchè ho cucinato ” per prova”, ho fatto tutta la sequenza di foto, ho proceduto all’assaggio ed ho destinato il tutto alla pubblicazione in un secondo momento. Forse dovrei dire che ho due ” congelatori”: uno reale con  i suoi bei cassetti, ed uno virtuale, il mio archivio fotografico, dove la ricetta aspetta pazientemente di essere prelevata. Quindi ieri, assalita dal caldo africano, ho deciso di pubblicare una di queste ricette ” Il Gaspacho in pillole” che ho realizzato al primo assaggio d’estate, una preparazione fredda, perfetta quando la temperatura è torrida e ci vogliono piatti freddi e gustosi. Quindi ho tirato fuori dal cassetto sottozero i piccoli stampini ripieni di gaspacho, per farli rinvenire, ed aspettando ho cominciato a scrivere il post e poi …le preparazioni si sono duplicate. Ecco come: quella che segue è la ricetta originaria, ma, poi,  mi è venuta un’altra idea :

Ingredienti: per 20 stampini di silicone: 1/2 peperone rosso e 1/2 peprone giallo, 3 pomodori rossi,  1 cetriolo, 2 cucchiai di farina di mandorle, una cipolla il succo di una arancia, sale, pepe e un pizzico di cumino in polvere, olio di oliva EVO , gr 8 di agar-agar

  • IMG_2848

Preparazione 

  • Spremere l’arancia e mettere tutti gli ingredienti, tranne la farina e l’agar-agar, nel vaso del frullatore e ridurre il tutto un purea , anche non troppo fine, versando il succo  ed aggiungendo alla fine un filo di olio di oliva .

IMG_2849

  •  In un tegamino, sciogliere in 125 gr di  acqua ( un bicchiere circa) l’agar-agar a freddo, riscaldare e fare sobbollire 4/5 minuti e versare il tutto nel vaso del frullatore, unire la farina di mandorla e miscelare di nuovo. Quindi, distribuire il composto negli stampini e mettere in frigo 3 ore, perché si addensi. Ecco gli stampi pronti per il raffreddamento:

IMG_2850Trascorso il tempo, capovolgere gli stampi su un piatto, decorare il pasticcino a piacere, nella foto ho usato semi di sesamo e cappero e portare freddo in tavola: una bella porzione soda e morbida di ” Gaspascho”.  IMG_2852Ma mentre scrivevo e il gaspacho, nel frattempo,  si scongelava e lo scirocco aumentava, arroventando l’aria, ho pensato: perché non consumarlo freddo anzi freddissimo? D’impulso ho fatto così:  ho messo nel vaso del mixer il contenuto dei pirottini, che dopo una ventina di minuti era ammorbidito, ho miscelato il tutto pochi attimi  a velocità massima e voilà una magnifica granita, appetitosa, bella fredda per il pranzo: decorare a piacere e gustare subito IMG_2876

Annunci