Brunch! E’ Sabato: pane gluten-free, crema di ricotta, menta e paprika e finte uova!

Ieri mi sono svegliata un’ora dopo il mio solito e meno ero “ grillo” del solito! Per grillo non intendo dire che la mattina indosso una tutina verde e la cuffietta con due antenne in cima, ma che è mia abitudine scattare, farmi il caffè, iniziare la giornata ad un ritmo sostenuto, relativamente veloce: facendo un paragone con i dischi in vinile, se qualcuno se ne ricorda, la mattina vado a 33 giri ! Ieri ero a 78 giri e tutto è andato al rallentatore, ad efficienza zero, con movimenti da tartaruga, del tipo che ho guardato per lunghi minuti la mia macchina del caffè, senza accenderla, come se sperassi che lo facesse da sola, e poi ho “vagato “ su internet, senza aprire subito la posta, come faccio d’abitudine, ma ciondolando da un sito all’altro e finendo pure ad ascoltare una trasmissione su un podcast americano. Si  parlava di alimentazione e colazione, ma io  ho capito solo il titolo e poi è stato il buio più assoluto, eccetto che per due o tre ok, alcuni well e numerosi how are you doing sparsi qua e là nel corso della conversazione tra intervistatore ed intervistato.

Ancora un po’ depressa per il mio livello di comprensione dell’inglese, mi è venuta voglia di pane, quello nero, bello denso, profumato. E così l’ho fatto io, in casa! Ho pensato che non c’era niente di meglio, per superarare la mia pigrizia mattutina, di fare colazione con pane caldo. E così è andata: ho impastato, cotto ed aspettato che le mie pagnottine si raffreddassero appena. Poi, mi sono preparata la colazione: ma era tardi, quasi mezzogiorno! “Ok, faccio come gli americani il sabato! Faccio il Brunch e poi lo metto sul sito domani! Soda Bread di grano saraceno , quindi gluten-free, crema di ricotta, menta e paprica e finte uova di mozzarella!

Ingredienti per il pane : farina di risogr.200 e 300 gr di farina di grano saraceno ( oppure 500 di farina di grano), 150 gr di yogurt naturale, una lattina di birra scura irlandese da 33 cl ,un cucchino di sale, due cucchiani di sciroppo di acero oppure un cucchiaio di zucchero di canna, 2 cucchiaini di bicarbonato, ( che è l’unico agente lievitante che si usa), 1 cucchiaino raso di sale finoIMG_1660-1

Preparazione
. Accendere il forno a 180° e foderare con carta forno una teglia rettangolare. Mettere in una ciotola le farine (meglio se setacciare quella di grano), unire lo zucchero o lo sciroppo, il sale e il bicarbonato setacciato e mescolare benissimo, cercando di incorporare più aria possibile con movimenti ampi. Se si ha, usare lo sbattitore con le fruste a nastro. IMG_1661_2

Diluire lo yogurt con la birra e versarlo nella ciotola con gli ingredienti “asciutti”. Mescolare con un cucchiaio, con movimenti dal basso verso l’alto che serviranno ad incamerare più aria possibile; è bene non lavorare troppo a lungo (perché il bicarbonato inizia ad agire appena entra in contatto con lo yogurt), basta che la farina sia bene incorporata nell’impasto, che dev’essere appiccicoso ma non troppo molle (tanto per intenderci: più sodo di quello di una torta, più molle di quello del pane). Se è troppo fluida aggiungere alla pasta , aggiungere qualche cucchiaio di farina di riso, perchè il grano saraceno non addensa Rovesciare l’impasto in uno stampo e livellarlo senza troppa precisione; se si vuole con un coltello fare un’incisione nel senso della lunghezza e infornare. Io ho scelto piccoli stampi ed ho dimenticato di fare il taglio: ma è andato tutto bene lo stesso!

IMG_16623

Cuocere i panini piccoli per 20 minuti e quelli più grandi per 30; comunque provare la cottura infilando la punta di uno stecchino dentro : deve essere asciutta. A questo punto, il pane va tolto dallo stampo e rimesso 10 minuti nel forno, direttamente sulla piastra: questo riposo in forno caldo fa asciugare il fondo delle pagnotte. Sfornare, lasciare intiepidire 5 minuti e servire IMG_1666_5

Mentre il pane era in forno, ho guardato dentro il frigo, ed ho preparato il companatico:

La crema : lavorare 80 gr di ricotta con un una forchetta, aiutandosi con un dito di latte, finchè non si ha una crema: aggiungere menta tritata e un bel pizzico di paprica.

Le uova: che brunch è senza le uova? Ma io non è ho! Però ho rimediato così:

Ho tagliato delle fettine tonde da un pomodoro, ho poggiato sopra mezze mozzarelle di bufala, ho sparso sopra del pepe macinato fresco e ho condite le uova con un filo di aceto balsamico!

Finalmente è tutto pronto! Non è appetitoso questo vassoio ?IMG_1705_6

 

Annunci