Clafoutis di fagiolini al basilico e pomodorino

Riuscire a vivere una vita “ quasi normale” quando la temperatura a casa e fuori supera i 38 gradi mi pare proprio un bel successo. Mi sento come una astronauta alla fine della missione, una scalatrice che raggiunge la vetta, una esploratrice che scopre nella jungla un villaggio “ neolitico” e potrei continuare così ad elencare altri esempi di stratosferici successi per una buona mezz’ora. Ma è così che mi sento, quando mi accorgo che si stanno facendo le otto di sera, la giornata è passata tutto sommato positivamente, non sono stata tutto il tempo sdraiata a sventolarmi ed ad imprecare contro le multinazionali, il progresso, il governo e tutti quelli che non fanno niente per arrestare il riscaldamento globale della terra. Mi sento orgogliosa di avere reagito, di essere stata attiva, di non aver ceduto alla abulia e spossatezza , che, di solito, mi provoca il vento di fuoco, che per ora avvolge la mia città. Però, però, non è che sia proprio tutto eguale a come quando fuori piove e tira freschetto! I movimenti sono molto più lenti, le azioni da compiere ponderate : per esempio mi accorgo di calcolare i percorsi, per strada, in ragione dell’ombra e cioè seguo solo marciapiedi non soleggiati, anche a rischio di allungare, non vado certo a correre al parco, non mi carico di pacchi e pacchetti, non esco di casa nelle ore di canicola e via dicendo. E mentre scrivo questa tiritera, anzi mentre la rileggo, alla fine mi arrendo: la verità è che sopravvivo e cerco di non avvilirmi, ma nel mio cuore so che ho un unico desiderio… avere una bacchetta magica per andare ogni mezz’ora al polo Nord e provare qualche brivido ! Oppure possedere la formula magica che mi faccia mangiare solo gelati e sorbetti, senza ingrassare di un grammo! Straparlo, anzi strascrivo: effetti della temperatura, ma è verò, continuo a cucinare e questo mio clafoutis salato ne è la prova. Il clafoutis è una torta senza lievito a base di uova , una pastella leggera che avvolge il ripieno, o dolce o salato, e si trasforma in un morbido ed appetittoso piatto. Io avevo in frigo una montagna di fagioni bolliti e ho pensato ad un abbinamento semplice, con il pomodoro e del grana, senza caricare l’impasto di eccessivi condimenti, in questo periodo preferisco che si senta l’aroma del basilico e non sovrastare il sapore delle verdure con l’inserimento di salumi o di formaggi piccanti. Si cuoce in forno, in una mezz’ora e si gusta tiepido o freddo e si prepara così :

Ingredienti : per 4 persone : gr 300 di fagiolini, spuntati, e poi cotti, una decina di pomodori di Pachino, gr. 40 di farina di riso, 2 uova intere ed un tuorlo, 100 grammi di panna da cucina e 200 di latte, gr. 40 di grana, sale e pepe, un mazzetto di basilico. IMG_4120_ingred

Preparazione :

In una ciotola grande, sbattere le uova ed il tuorlo con il latte. Continuare aggiungendo gli altri ingredienti e metà del basilico, tagliuzzato finemente. La pastella è pronta :IMG_4122

Aggiungere i fagiolini, mescolando bene in modo che si amalgami bene il tutto.Versare l’impasto in una teglia imburrata o coperta da carta forno e distribuire in superfice altre foglioline di basilico e i pomodorini tagliati a metà, con la parte bombata in alto. In ultimo spolverare con uno o due cucchiai ancora di parmigiano.IMG_4123

Infornare a 170 gradi per mezzora, lasciare raffreddare e servire il piatto tiepido o freddo: eccolo qui, lo sformato ancora caldo e con la sua crosticina gratinata. IMG_4126

Annunci

Un pensiero riguardo “Clafoutis di fagiolini al basilico e pomodorino”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...