Uova ” mimosa” con funghi e spinaci e mi sento uno Chef!

Ieri ho sfogliato una vecchia  rivista di cucina dedicata alla Pasqua: tutte i menù proposti erano monocromatici. Primo, secondo e dolce, tutti,  di un unico colore, o rosso, o bianco o azzurro, con una manipolazione della materia prima, non proprio ” corretta” mediante l’uso di coloranti o altre strategie di camuffamento. Insomma, una cosa da anni 80, quando in Italia si cominciava a fare ” nouvelle cuisine” e la moda imponeva di sperimentare, stupire, destrutturare e colorare. Fortuna ha voluto che fosse una moda e che passasse: ora le ricette sono molto più attente alla qualità dei prodotti e certe composizioni di sapori un po’ azzardate, quando non irragionevoli, meglio dire inimmaginabile e immangiabili, non vengono più proposte. Però quei menu, in foto, erano veramente belli, allegri , primaverili! Così mi è venuta l’idea di rifare queste uova in giallo: è uno delle mie prime ricette ” creative”, non prese dalla cucina di mamma, ma realizzate seguendo un libro di cucina. E che libro! Guida alla grande cucina di Auguste Escoffier, come dire la Bibbia dei cuochi. Trovai questo testo su uno scaffale in una libreria, ad un prezzo allora per me impossibile e quindi feci quello che fanno gli ” squattrinati”: lo lessi di nascosto, soffermandomi sulle pagine che mi sembravano più interessanti, ma con la paura che il libraio mi arrivasse alle spalle, mi accusasse di sabotargli la vendita o di essere una infiltrata  scroccona! Ero affascinata: si parlava di tecniche di cucina che ignoravo, come il fondo di cottura, il roux rosso e bianco, con una profusione di termini, naturalmente in francese, per lo più sconosciuti, ma che richiamavano alla mente grandi preparazioni raffinate ed elaborate, dai sapori divini.  Naturalmente, non potevo rubare i segreti del grande cuoco, una lettura  a scorrimento veloce è necessariamente superficiale, riesce al più a darti una visione di insieme. Ci fosse stato l’Iphone, mi sarei aiutata, ma allora non era nemmeno pensabile!  Comunque, riuscii a memorizzare questa ricetta di uova colorate ” naturalmente“, che mi colpì perchè era semplice e veloce. Oggi la ripropongo, arricchita da un altrettanto facile contorno. Il sole fuori è caldo, inizia la Primavera, finalmente, il giallo è un colore adatto alla Pasqua ed è bello cucinare, seguendo un grande Chef! Il Libro? Per la verità, non l’ho mai comprato…

Ingredienti: per due persone: 4 uova , due cucchiai di panna, sale, pepe e noce moscata, una bustina di zafferano . IMG_2539

Per il contorno: gr. 250 di funghi coltivati, tagliati sottili, una mela verde, due mazzetti di spinaci, due piccoli scalogni, sale, pepe ed olio IMG_2538

Preparazione :

  • Tagliare  la mela, sbucciata, a dadini e tritare le cipolle. Mettere il tutto in un tegame, coprire con un dito di acqua e fare cuocere una decina di minuti, in modo che si ammorbidiscano. Quindi aggiungere l’olio, i funghi a fettine, gli spinaci ed aggiustare di sale e pepe. Fare cuocere per altri 10 minuti in modo che il tutto sia morbido e asciutto.
  • Riscaldare una padella antiaderente, con un filo d’olio e nel frattempo in una ciotola sbattere le uova con la panna, sale e pepe, un pizzico di noce moscata ed una bustina di zafferano. Amalgamare con una frusta e  versare il composto nelle padella. Girare le uova con una paletta, proprio come si fa con le uova strapazzate e lasciarle morbide e non troppo cotte.

Servire il tutto caldo:IMG_2545

Annunci