Mini stecco Banana-Cioccolato ovvero il gelato d’inverno!

IMG_2324Mitico gelato d’inverno! Quando ero bambina, appena finivano le vacanze estive e cominciava l’autunno, il cono gelato, la coppetta, lo spongato ” sparivano”! Le gelaterie, che poi erano precari chioschetti, chiudevano oppure si riconvertivano in rivendite di prodotti artigianali: caramelle  alla cannella, torroni alla mandorla o al sesamo. Per me la migliore produzione era quella del chiosco di fronte la chiesa di San Francesco di Paola: faceva le caramelle con lo zucchero filato in open space, come si dice oggi, davanti al pubblico che attirava con un intenso e conturbante profumo di vaniglia e caramello! Anche nelle pasticcerie e nei bar i banconi dei gelati, o meglio i” pozzetti” venivano sigillati e coperti dai prodotti più autunnali;  ricomparivano i dolci di ricotta, ingrediente bandito in estate, arrivavano dal Nord i marrons glacé , le torte con panne e la mitica ” Savoia” che più cioccolotosa non si poteva ! Insomma, anche per i dolci si seguivano i ritmi della stagione ! Ma se avevi voglia di gelato, in inverno, ed io ne avevo sempre desiderio, c’era il ” cinema”. Adoravo andare la domenica a vedere i film, anche se stavamo in mezzo a nuvole di fumo, tanto che sullo schermo aleggiava una leggera nebbia e mi piaceva, sopratutto, che nell’intervallo passava il ragazzino dei gelati, con gli  ascaretti ossia lo stecco di vaniglia ricoperto di cioccolato, i boeri , ossia bocconcini mini alla vaniglia, ricoperti di cioccolato e la banana, stecco di gelato alla banana ricoperto di cioccolato. Visto che fantasia! A me piacevano tutti e tre moltissimo e naturalmente mia madre ne concedeva uno solo a film, così attuavo una sorta di ” rotazione settimanale”: aspettavo con il gelato in mano che le luci si spegnessero e ricominciasse la proiezione, perché secondo me gustare il gelato al buio era il massimo! Nel giro di un paio d’anni, tutto questo  è terminato: agli inizi degli anni 60, come per incanto, si svilupparono le industrie, anche quelle dei gelati, e con mio immenso piacere il gelato non fu più un prodotto di ” nicchia”, e sopratutto non fu più” a consumo codificato” riservato alla sola stagione calda! C’era freddo, era inverno, ed io potevo aggiungere ” brivido” a ” brivido”, leccando il cono sotto la pioggia : che goduria! che trasgressione! Ora, siamo consapevoli che introitiamo troppe calorie, troppi zuccheri e che il gelato” industriale o artigianale” che sia, non conosce la frutta ed è realizzato con ingredienti liofilizzati  ed aromi di sintesi. Questi mini stecchi che ho preparato, invece, sono fatti con una banana e cioccolato e nient’altro e fanno perdere si e no una decina di minuti in cucina: poi, via con il gusto e quelli rimasti si conservano benissimo nel congelatore! Ora vi spiego come si fa :

Ingredienti: una grossa banana, gr 90 di cioccolato amaro, un poco di pistacchi tritati  e un poco di cocco in polvere, degli stecchi da gelato ( io ho usato dei mini cucchiai da gelato )IMG_2318

Preparazione: Innanzi tutto tritate grossolanamente i pistacchi. Io ho usato quelli salati, perché mi piace molto il contrasto di gusti ( sale-amaro-fondente e dolce della banana). Per sminuzzarli, li ho messi in un sacchettino da congelazione ed ho passato sopra il matterello per due o tre volte: metodo velocissimo ed anti-sporco IMG_2315Quindi ho sciolto il cioccolato in una ciotola, passata nel micro onde per pochi minuti a temperatura nassa ( potenza 300) e nel frattempo ho tagliato la banana in pezzi ed ho infilato il cucchiaino a mo’ di stecco :  IMG_2319

Poi, ho immerso ciascuno dei pezzetti nella cioccolata , aiutandomi con un cucchiaio per coprirli bene IMG_2320

Ho appoggiato gli stecchi su un vassoio coperto di carta forno ed ho sparso sopra i pistacchi o il cocco.  IMG_2321Quando l’operazione è terminata , ho lasciato il vassoio in freezer per circa 20 minuti: il cioccolato si è solidificato, ma la banana è solo fredda: con il  coltello affilato ho tolto l’eccesso di cioccolato ed ecco pronti i gelati di inverno. Buonissimi! Si conservano bene nel congelatore, avvolti in carta forno. Per consumarli, basta lasciarli fuori 10 minuti perché la banana all’interno sia morbida al punto giusto!

Annunci