Crema di carote con crostini

Il tempo si è fatto appena più fresco. Quest’isola regala una estate tardiva e si può andare al mare fino a tutto Novembre! Però , l’ora legale non c’è più ed alle sei di pomeriggio è buio, un anticipo di inverno! E’ una situazione ibrida, un melànge di estate ed inverno, un po’ come le mie zuppe, pietanza in cui mescolo allegramente le verdure del mio frigo, quelle che di solito stanno in un angolo del cassetto, nascoste e dimenticate. Questo recupero  non toglie niente al fatto che la zuppa è un piatto di cui sono profondamente appassionata, anzi direi dipendente, nel senso che vorrei avere sempre una zuppa a pranzo ed a cena. Certo la temperatura mite di Palermo esclude, per ora, il classico calderone bollente, meglio quindi optare per una scodella appena tiepida. Ed eccomi pronta a preparare una bella crema di carote, resa molto sfiziosa dall’uso di cipolle rosse come fondo di cottura e del porro come verdura di rinforzo. Gusti tra loro contrastanti, che danno molta personalità alla preparazione. Certo, a pensarci, in qualsiasi libro di ricette, in qualsiasi sito web si trova una ” crema o zuppa di carote” e credo che tutti possano dire che per prepararla basta  bollire delle verdure ed aggiungere del condimento. Sono d’accordo, ma sono convinta anche che ognuno di noi ha un  suo tocco personale e che ciascun piatto, anche se comune, anche se fatto e rifatto migliaia di volte, ha una propria speciale sfumatura, che lo distingue dagli altri. Perchè è così in tutte le cose della vita:  i gesti che compiamo ogni giorno, alzarsi, fare il caffè, vestirsi, cantare, camminare e così via, sembrano sempre eguali, ma in realtà possono essere in bianco e nero o a colori, stanchi o dinamici, impetuosi o riflessivi. Tutto dipende da come li condiamo, con che  cosa li accompagniamo, e così lo stesso atto può profumare di gioia o odorare di deprimente tristezza. Insomma zuppe e giornate si possono assomigliare, ma non sono mai identiche!  Ora al lavoro ed il mio tocco in più è nel finale di ricetta…

Ingredienti: IMG_16091 porro,- solo la parte bianca-, gr. 500 di carote, 2 cipolle rosse, 20 gr di burro e 250 gr di brodo pronto o un dado da brodo, un cucchiaio di coriandolo in polvere sale e pepe.

Preparazione : pulire le cipolle e tritarle IMG_1616metterle con il burro in una pentola alta e farle rosolare

sbucciare il porro dalle foglie esterne ed eliminare la parte verde; pulire le carote e tagliare tutte le verdure a rondelle.IMG_1619 IMG_1617

Quando la cipolla è morbida, aggiungere il porro, le carote, il brodo o il dado sciolto in 250 gr di acqua calda, il sale, il pepe e altra acqua calda in modo che sia più alta di due dita rispetto le verdure. Portare a bollore e lasciare cuocere fino a che l’ acqua è quasi del tutto assorbita e le verdure sino cotte. Ci vorranno circa 30 minuti a fuoco medio.

A fine cottura, frullare il tutto e aggiungere il coriandolo in polvere e se piace della panna liquida. Io, invece, ho aggiunto due cucchiai di latte di cocco, che dona molta cremosità. Inoltre sua maestà la Carota ama il sapore del cocco ed il leggero aspro del coriandolo in polvere.

Servire, con crostini di pane tostato: buon appetito!IMG_1622

Annunci