Zuppa di zucca e crema di formaggio: il primo appuntamento…con l’autunno.

Deliziosa arietta fresca, che entra dalla finestra, pioggia leggera ed insistente, nuvole scure ammassata all’orizzonte. Ci siamo, l’autunno si avvicina ed io mi sento pronta, basta insalate e piatti freddi,  oggi è tempo del primo appuntamento con la ” zuppa calda”. Scrivo “ primo appuntamento” e la mente è invasa da una marea di ricordi e sensazioni, belle e brutte. Così per gioco, ma in verità,  anche per assecondare la mia passione per gli elenchi, per la lista delle 5 cose si e delle 5 no, per le tiritere sconclusionate, che si trovano  spesso sui giornali, propinate in rigoroso ordine, prima il si e poi il no, spacciate per riflessioni filosofiche fondamentali, avvertenze indispensabili per capire la realtà e vivere meglio! Mi ritrovo, così, a formare le mie categorie positive e negative. Dunque, il primo appuntamento è bello, qualunque sia la tua età, perché: 1) è eccitante, è novità 2) vai dall’estetista e ti fai una messa a nuovo, superando la consueta pigrizia, 3) metti sotto una lente di ingrandimento critico il tuo guardaroba e vai a colmare le individuate lacune con nuovi acquisti ( il che  è di per sé una attività divertente e gratificante), 4) investighi in maniera discreta su chi ti aspetta all’appuntamento e cerchi di capirne passato e presente, senza perciò scoprire le carte con gli informatori, 5) ti lasci andare a sentimenti di curiosità ed apertura, un poco come quando si aspetta il sorgere del sole e non sai se verra un alba rosata o nuvole e nebbia. Ma il primo incontro può essere al contempo brutto, perché:1) la paura e l’incertezza ti prende alla gola, e fai previsioni catastrofiche, 2) il dubbio sul tuo aspetto fisico ti assale e ti tormenta; 3) il tuo conto in banca è aggredito e ti senti in colpa, 4) ti ricordi che comunque il tuo ” appuntamento” porta mocassini scassati e impolverati o calzini male assortiti e ti vengono fuori rigurgiti di di pregiudizio negati; 5) ti convinci che può essere una serata orribile ed esci mogia e diffidente, pensando che era meglio aspettare l’alba a casa tua. Alla fine, in realtà, vai, a volte ti diverti, a volte no, ma l’appuntamento è , né bello, né brutto, è un incontro e ti rendi conto che nella attesa ti sei solo dedicata ad aumentare e coltivare una  piccola  sindrome ” bipolare”! Più tranquillo è l’approccio con la zuppa settembrina: è comparsa la zucca, cibo semplice ed al tempo stesso capace di darti molte soddisfazioni. Questa ricetta è stata realizzata solo con spezie, senza cipolla, o soffritto, ma arricchita da una piccola crema composta da pezzetti di grana, gorgonzola ed emmental, che languivano nel cassetto del frigo ed hanno trovato nuova vita. Ecco la zuppa e di seguito la ricetta IMG_4185

Ingredienti : gr. 900 di zucca, pulita e tagliata a dadi, harissa o altra spezia piccante, curcuma, pepe e noce moscata, olio, brodo vegetale, per la salsa circa 100 di formaggi vari , un poco di latte, menta fresca per decorare

Procedimento : in una pentola dal fondo spesso rosolare due cucchiaio di olio con le spezie, un cucchiaino per ciascuna, aggiungere un pizzico di pepe . Quando le spezie sono tostate, cioè dopo circa 5 minuti, aggiungere la zucca e mescolare bene per alcuni minuti. Quindi coprire con brodo vegetale caldo e lasciare cuocere fino a che la zucca è morbida e ben cotta ( ci vorranno 12/15 minuti) Ecco la zucca IMG_4178Ecco la pentola pronta per la ripresa del bolloreIMG_4179

A cottura avvenuta, scolare la zucca, tenendo l’acqua di cottura da parte, frullarla, aggiungendo mano a mano il liquido in modo da avere un passato liscio e cremoso e denso.IMG_4181

Per la salsa, sciogliere i formaggi in un tegamino, a calore moderato, dopo averli coperti con un poco di latte, in modo che abbiano anche loro consistenza cremosa . Aggiungere la salsa alla zuppa, decorare con menta sminuzzata, che comunque aromatizza in modo eccellente la zucca e servire calda

IMG_4184

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...