Marmellata di mele, limone e cannella

L’estate è la stagione delle conserve ed io non mi sottraggo alla virtù della raccolta, trasformazione e conservazione. Quindi ho preparato questa semplicissima marmellata di mele, arricchita dal profumo della cannella e dell’agro del limone, per un piacevole contrasto. Però ad essere sincera, quando ho comprato un chilo e più di mele biologiche in sacchetto, pensavo solo di aver fatto un buon affare e non ero nemmeno lontanamente sfiorata dalla idea di una possibile loro cottura. Ma la vita è così, ti sorprende sempre! Ho scoperto, mentre mordicchiavo la mia prima melina, rossa e gustosa, che questo frutto è assolutamente, categoricamente, inequivocabilmente, controindicato per quelli che come me hanno la sindrome del colon irritabile, insomma che sono ” veleno” e non nutrimento. Ora non sto a dire cosa è la mia sindrome ( chi vuole capire capisca). Non si guarisce, ma si può attenuare seguendo una dieta c.d. ”  fodtmap”, un acronimo che in pratica vuol dire niente glutine, lattosio, fruttosio, fruttani, galattani e polialcoli.  E così ho iniziato una nuova sfida, quella di nutrirmi, sottraendo i fodmaps: in un primo tempo ho pensato che sarebbe stato difficilissimo, invece è una “passeggiata” nel gusto e nel benessere. Ne ho per 8 settimane e poi gradualmente tornerò ad usare aglio e cipolla, a gustare mele e pere, a godermi lo yogurt e i formaggi morbidi, i funghi ed i cavolfiori. Però è sorto il problema dello smaltimento delle mele, subito risolto. Ho aperto il libro delle confetture e mi sono messa all’opera. Per ora i vasetti li posso solo guardare: la composta è facile da fare ed ha un sapore delizioso, almeno a detta di mia nipote, che ho nominata ” assaggiatrice ufficiale” ! Ecco un primo piano del mio lavoro, con il suo vestitino e la etichetta : IMG_4175

PS la ricetta è Christine Ferber, autrice di ” Mes confitures” ( pag.208 del libro ). L’ho modificata, dimezzando la dose di zucchero, integrando con miele millefiori .
Pronti ? si fa così:

Ingredienti  : 1 Kg di mele tipo Gala, al netto, cioè sbucciate e private del torsolo, 450 di zucchero di canna e due cucchiai grandi di miele, 3 punte di coltello di scozza grattugiata di limone non trattato, 6 piccoli limoni, due stecche di cannella , una bustina di pectina per marmellate IMG_4171

Preparazione :

Tagliare a fettine sottili le mele e metterle in un largo tegame con il succo dei limoni, la buccia grattugiata, lo zucchero ed il miele, le sue stecche di cannella. Accendere a fuoco medio e portare la preparazione ad un leggero bollore, assicurandosi che lo zucchero ed il miele siano ben sciolti. IMG_4172Spegnere il fuoco e mettere la composta in una ciotola, coprirla con un foglio di carta forno, lasciarla intiepidire e porre la ciotola nel frigo per l’intera notte.

L’indomani versare la composta nel suo tegame e unire, mescolando la bustina di pectina o gelificante. Riportare a bollore, sempre mescolando, e quando la composta sarà in ebollizione, lasciare in cottura tre minuti, sempre mescolando. Quindi, versarla in vasetti già  puliti con acqua molto calda e riscaldati in forno a 50 gradi: in pratica bisogna accedere il forno e mettere su una teglia i vasetti a riscaldare il tempo che la marmellata si cuocia. Una volta riempiti, chiudere con i coperchi, mettere sottosopra in vasetti, in modo che si sterilizzi il coperchio e lasciarli così una decina di minuti. Rigirarli e lasciarli raffreddare. La marmellata è pronta! tenere al buio in dispensa.Ecco i miei vasetti, pronti ed in bella mostra IMG_4177

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...