Torta di ciliegie alle mandorle e gocce di cioccolato: niente noccioli per favore…

Guardo la ciotola di ciliegie che ho  davanti, emersa dal frigo, dove, per la verità , l’ho abbandonata almeno tre giorni fa. Rifletto sul fatto che ogni anno, da maggio inoltrato a metà luglio si consuma, la ” parabola” di questo delizioso frutto. Quando dico parabola non mi riferisco a quel breve racconto che ci veniva somministrato da piccoli per comunicarci un   insegnamento religioso o morale,  e peraltro non credo che esista niente che riguardi le ciliegie: Mi viene in mente, al più, il proverbio ” una ciliegia tira l’altra” che sentivo salmodiare da mia zia, quando mi mettevo davanti al ciotola della frutta e ne mangiavo fino a farmi male la pancia. Quello che ho in mente è piuttosto la figura geometrica, la rapida traiettoria di un corpo  in movimento, che inizia l’ascesa, arriva all’apice e poi va in discesa; come dire le ciliegie compaiono, si diffondono sui banconi per un breve periodo e poi scompaiono, improvvisamente, quasi autocancellandosi dalla lista della spesa. A dispetto, però, di ogni consuetudine commerciale, il loro prezzo non conosce  parabole, sempre fisso sull’iniziale valore, ignorando la legge economica, per cui di solito finito il periodo della primizia , si verifica il calo! Ed io, ogni anno, aspettando che il prezzo si riduca, che sia più accessibile, finisco per comprarne quantità da ” anoressica”, e constato come sia finita  l’era delle mitiche merende estive con questi succosissimi frutti, accompagnati da un pezzo di pane e dalla raccomandazione continua di nonne e zie, incaricate della sorveglianza: era tutto un rosario di  ”  stai attenta, non ingoiare i noccioli, non ti toccare il vestito con le mani sporche…”  Mi va bene così, le cose  cambiano, l’agricoltura non è la stessa di mezzo secolo fa, il mercato si evolve, ma un dato positivo c’è sempre. Quale? Quando un bambino risponderà, come fece un mio amico, ” ma le mie ciliegie non avevano l’osso“, la preoccupazione degli adulti sarà pari al numero dei frutti della sua razione, oggi contingentata, e quindi il rimedio sarà molto molto più ” gestibile!   Però la nostalgia è canaglia: come erano belli quei cesti di vimine, foderati di ” pampine ” necessarie per mantenere fresco quanto appena raccolto: sollevavi le foglie ed si presentava una magnifica piramide : nere, lucide, succose,  ciliegie a mai finire … 

Ovviamente, metto sul sito una torta di ciliegie, che si realizza facilmente ed ha la consistenza di uno ” sponge cake”, cioè la sua pasta è morbida e porosa, che si accorda molto fare da compagna ad  una pallina di gelato o ad un bel ciuffo di pana montata: io, invece, presento la mia torta così com’è, nuda e appena cotta, non decorata, lascio spazio alla fantasia di chi la rifarà! PS:  al posto dei noccioli ho messo delle gocce di cioccolato. Molto più buone e senz’altro molto più commestibili …

IMG_2975

Ingredienti : 

  1. 200 di yogurt
  2. 80 gr di mandorle in scaglie
  3. 80 gr
  4.  200 gr di ciliegie da denocciolare  nocciolo
  5. 200 gr di farina di mandorla
  6. 2 cucchiaini di cannella in polvere
  7. una bustina  di lievito in polvere ( io ho usato quello per micro-onde dato che ho utilizzato questo tipo di forno per la cottura)
  8. miele o succo di acero  2 cucchiai da tavola
  9.  bustina di vaniglia
  10. gocce cioccolato a piacere
  11. 2 uova
  12. burro per lo stampo

Preparazione

  1. In una ciotola, miscelare lo yogurt con le mandorle tritate e se la pastella è troppo spessa aggiungere circa 100  gr di latte. Fare ammorbidire per circa 1/2  ora le mandorle tritate.IMG_2976
  2. Lavare le ciliegie, eliminare il picciolo, tagliarle a metà e snocciolarle e tagliarle. Le ciliegie  devono essere lasciate scolare molto bene: metterle in una terrina con gli aromi di vaniglia e cannella
  3.  Intanto preriscaldare il forno a 180 °C, se non si usa il micro-onde. Ungere uno stampo con burro e, se si vuole, incrociare delle strisce di carta forno sul fondo, in modo che sporgano sopra il bordo dello stampo: servono per estrarre facilmente la torta.
  4.  In una terrina mescolare bene le uova con il miele o se si preferisce lo zucchero ( gr.100) e sbatterle fino ad averle ben amalgamateIMG_2978
  5. aggiungere la farina di mandorle, continuando a sbattereIMG_2979
  6. quindi unire lo yogurt con le mandorle, la cannella,la vaniglia, il cioccolato e le ciliegie. Impastare bene per 4 minuti con il robot da cucina o con lo sbattitore a mano. Alla fine riportare delicatamente in superficie i frutti rimasti sotto l’impasto ed aggiungere il lievito rimescolando bene
  7. Distribuire la pasta nello stampo e se si usa il forno tradizionale e cuocere per 30-35 minuti. Nella foto si vedono le alette che serviranno per sfornare senza faticaIMG_2981 Con il forno a micro-onde occorrono 12 minuti potenza 650 con grill. Provare la cottura con uno stuzzicadenti.
  8. Togliere dal forno la torta e lasciarla raffreddare su una gratella.IMG_2984
  9. Gustare : non  occorre stare attenti ai noccioli…IMG_2986

Annunci