Spaghetti arlecchino: colorano l’autunno

E’ finita l’ora legale ed io, come ogni anno, stento ad abituarmi ai nuovi ritmi. Soffro l’autunno, l’avanzare del buio, il pomeriggio che si accorcia, il caldo che ogni giorno si allontana,  le come ogni anno il passaggio all’ora effettiva, l’avanzare della stagione buia, il caldo che piano piano se ne va, i sandali che vanno definitivamente nel loro scatolo, i golfini che si ripresentano sulle spalle…Sono nel mezzo di quella che le riviste femminili, provvide di definizioni e di consigli, indicano come un momento di crisi, la sindrome del jet lag autunnale,  da scacciare via grazie a miracolosi integratori ( la cui pubblici campeggia in ogni caso una pagina si ed una no nella rivista ) ed una serie di furbi accorgimenti, quali iscriversi in palestra, fare passeggiate all’aria aperta appena si può, mangiare cibi caldi e confortevoli. Tutti consigli saggi e convincenti, che scontrandosi con la quotidiana routine -lavoro-casa- figli-nipoti-anziani da accudire- non si riesce a seguire. Così che ti invade un senso di fallimento e la depressione, se non c’è la avevi ancora, è garantito che farà la sua comparsa.  Anche se scherzo su”questi consulti  psicologici in carta patinata” , devo ammettere che qualche buona idea la propongono. Ad esempio consigliano di  ” mangiare colorato” in modo che ritorni il buon umore. Ed allora, seguendo del ” guru di  carta”,  oggi propongo un piatto molto ricco di salutare verdura, molto colorato e molto saporito.

IMG_2329

Un bel piatto di pasta multicolore che si fa così:

Ingredienti: verza riccia, pomodori secchi, spaghetti, olive nere, aglio, arancia, rosmarino, olio, sale e pepe

Questa è la mia spesa, appena atterrata sul tavolo in cucina! Le zucche sono ornamentali e le ho prese per posarle su un davanzale in soggiorno e ricordarmi così l’autunno che avanza. Sono talmente belle…un antidoto contro il malumore

IMG_2314

Procedimento:

Per una persona: mettere due mezzi pomodori secchi a rinvenire in poca acqua calda. In una pentola capiente, portare a bollore abbondante acqua salata. Nel frattempo, pulire la verza ( circa 50 per porzione) e tagliarla a piccole stride, togliendo la costa centrale. Tuffarla nell’acqua bollente e lasciarla cucinare per 4-6 min. Togliere dalla pentola con una schiumarola e lasciarla raffreddare. Conservare l’acqua che servirà per la pasta

 

Sgocciolare i pomodori, ormai morbidi, e tagliarli a fettine sottili. Snocciolare le olive ( 5 o 6) e  prendere un cucchiaio di pinoli .

Mettere il tutto nel mixer o tritare a mano. Quindi aggiungerlo alla verza e grattare sul condimento la scorza di un arancia. In ultimo irrorare con il succo di mezza arancia

Rosolare in una padella dell’agio con un cucchiaio di olio ed un rametto di rosmarino,

IMG_2320

Riportare a bollore la pentola, tuffare le pasta per il tempo necessario, scolandola al dente. Quindi togliere il rosmarino dalla padella e versarvi la pasta con il suo condimento. Lasciare insaporire il tutto per qualche minuto e portare subito in tavola

Eccola : in cottura e IMG_2329a tavola IMG_2332

Annunci

Tonno al verde per un Natale al verde

Oggettivamente, la crisi c’è ! Quindi è stato gioco-facile intitolare così questa ricetta, che ha quale ingrediente di base una buona quantità di verdure, che bilanciano le proteine del pesce. In realtà, il titolo mi è venuto in testa a cose fatte, appena finita la preparazione, che è nata dalla elaborazione in versione mediterranea di una ricetta che ho sperimentato in Belgio. Mi è sembrata  adatta per una cena della vigilia, perché  veloce, a base di pesce, come vuole la tradizione, ma non troppo impegnativa. La preparata veramente in non più di venti minuti ed ho utilizzato una fetta di tonno rosso, che avevo nel congelatore, dato che oggi ( ieri per chi legge), alle 13,  sono tornata a casa carica di pacchetti di regali, con la borsa della spesa carica degli ingredienti necessari per preparare due diversi tipi di dolci ed un patè nei quali mi cimenterò domani, e…niente per me! Avevo però una bella fame ” da sfinimento”, dopo una mattina divisa tra negozi e supermercato, e mi sono arrabattata con quello che c’era. Il risultato non mi ha deluso e lo propongo, anche per il suo insolito accostamento di gorgonzola e pesce, che hanno, contrariamente a quanto si crede una ottima intesa. La crema di verdure, formaggio erborinato si fonde a meraviglia con la consistenza del pesce e crea un gradevole e piccante contrasto . A Tutti Buon Appetito e Buon Natale !

Ingredienti : per una fetta di pesce da gr 130 c.a, occorrono una carota, uno spicchio di aglio, una foglia di alloro, un porro piccolo ed una piccola verza riccia, un poco di brodo anche di dado, un cucchiaio di vino bianco, poco sale, pepe, gr 10 di burro e 30 grammi di gorgonzola o altro formaggio erborinato IMG_3363_1

Preparazione : 

  • Tagliare tutte le verdure, la carota ed il porro a rondelle, la verza a strisce IMG_3364_2
  • Far sciogliere il burro in una padella e aggiungere la foglia di alloro e lo spicchio di aglio. Lasciare rosolare un poco, quindi unire le verdure e coprirle con un poco di brodo. Lasciare cuocere con coperchio finché non diventano morbide ( circa 10 minuti basteranno). Quindi sfumare con il vino, tenere il tutto a fuoco vivo per 2/3 minuti ed aggiungere il gorgonzola spezzettato, rimescolando in modo che si sciolga e si amalgami alle verdure. In ultimo, mettere al centro del tegame la fetta di pesce e lasciarla cuoce a piacimento. IMG_3367_3
  • Prelevare il pesce, contornarlo con la sua salsa e gustare caldo: eccolo qui morbido e ben condito  IMG_3370