Mozzarella, crema di melanzana e dadolata di verdure : tanto facile, tanto gustosa

La società elettrica ha annunciato, con un avviso incollato sul portone del condominio dove abito, che il giorno 2 novembre interromperà l’erogazione di elettricità dalle 8 del mattino alle 4 del pomeriggio. Senza riflettere, penso che sono solo poche ore di “vuoto” , c’è il nostro magnifico cielo luminoso e  quindi non è certo una catastrofe. Ma.. ma subito il ” vuoto” mi si riempie di NO: non potrò cucinare, perché, senza luce elettrica, la piastra ad induzione non può funzionare! Saranno a riposo il microonde e la pompa dell’acqua , avrò buio nero nel ripostiglio, spenti Internet e telefono di casa! Tutta la serie degli elettrodomestici sarà in letargo e credo che i surgelati,  anche a congelatore sigillato, alla fine del black-out saranno esausti, grondanti acqua e perciò inservibili. La annunciata “assenza” nella mia mente  prende la forma di una catastrofe. Eppure, può essere una opportunità, una mezza giornata detox da tecnologie, l’occasione per ascoltare il  silenzio che inevitabilmente calerà nel palazzo. Il mio vicino che fa bricolage da mattina a sera, utilizzando ogni possibile diavoleria che tagli l’acciaio, il ferro ed il legno, dovrà per una volta girarsi i pollici. Il costante ronzio lamentoso delle autoclavi sarà dimenticato, l’ascensore smetterà di arrancare, in alto ed in basso, con quel suo invadente rumore di ferraglia . Sarà annullata del tutto la televisione, moderatamente possibile l’ascolto di una radio, se qualcuno ancora ne possieda una che vada a pile e non dipenda da Internet, niente email o notizie stravaganti captate sul web ! Ma sì, posso festeggiare questa mezza giornata di  ritorno al passato, tanto più godibile quanto più ho la certezza che sarà un breve break ! Per l’occasione ora mi preparo una bella insalata, semplice, nutriente e senza cottura, che si fa così :

Ingredienti :per una porzione :  una melanzana, una carota, una zucchina, 4 piccoli topinambur, olio di oliva, sale, pepe, un limone, una mozzarella da gr.100

IMG_2280

Procedimento 

Accendere il forno a  170 gradi e quando è caldo adagiare la melanzana tagliata in due, appoggiando le metà con la polpa a contatto con la piastra. Tenere in forno circa mezz’ora, fino a quando la polpa sarà morbida e cotta. Fare raffreddare e prelevare la polpa con un cucchiaio. Frullare la polpa con un cucchiaio di olio, uno si succo di limone  e due o tre rametti di prezzemolo, fino ad avere una crema liscia. Sale e pepe a piacimento ed se piace una goccia di aceto balsamico

IMG_2287

Nel frattempo , pulire le verdure e tagliarle a dadini. Metterle a marinare in una ciotola con altro prezzemolo, sale,  pepe ed olio IMG_2281

Aggiungere alla insalata la mozzarella tagliata a dadi e rimescolare il tutto.Ecco tutto fatto, rigorosamente a mano

IMG_2293

 

Annunci

Insalata carciofi e lenticchie con dedica

IMG_0048Loredana è vegetariana e ha bisogno di proteine. Anche se non sono del tutto convinta che possa raggiungere con il legumi la necessaria quota giornaliera,  le dedico questa velocissima ricetta, che è una delle tante insalate che ho creato quando anch’io evitavo carne e insaccati e cercavo di limitare al massimo gli altri alimenti proteici. Non ero cioè  una ” veggie”, dato che non ero mossa da spinte ideologiche, mangiavo pesce, uova e latticini, sia pure in dosi minime, ma le persone che frequentavo mi consideravano un pò eccentrica: ricordo che una volta, in un  ristorante,dove si cucinava solo ” manzo e maiale alla brace”, ho ordinato delle verdure, chiarendo che non mangiavo carne, ed un commensale mi detto “ma non è un problema, qui cucinano anche l’agnello!”. Ho represso la mia risata, ho capito che era meglio stare zitta…

Ingredienti per 4 persone

250 gr di lenticchie lesse, due carciofi un topinambur, detto anche carciofo di Gerusalemme, uno spicchio di aglio, un cipollotto, 1 acciuga dissalata ( facoltativa) olio sale limone 

Preparazione : 

tagliare a fettine le verdure e porle in acqua acidula, perché non anneriscano. In una padella rosolare il cipollotto tritato finemente (solo la parte bianca), l’aglio, l’acciuga. Togliere l’aglio, quando è rosolato, aggiungere le verdure sgocciolate, il sale, e coprirle con un po’ di acqua calda, in modo da stufarle. Quando sono tenere, ma non sfatte, spegnere il fornello, unire le lenticchie, il succo di un limone e porre il tutto in un’insalatiera.

Preferisco servirla tiepida: è un ottimo piatto unico, se vi unite anche un po’ di formaggio feta sbriciolato o per chi avrà la voglia di seguirmi con il Paneer o formaggio indiano, cui dedicherò un mio prossimo post…